Snapshot

Snapshot http://wp.me/s2zbsA-snapshot

Vorrei parlare di quella sensazione ben chiara che ho provato qualche giorno fa guardando la foto di una persona e trovandola bella. Questo uomo non è fisicamente più attraente di altri e magari mesi addietro l’avevo trovato anche bruttino. Improvvisamente però giorni fa ho avuto la sensazione di avere davanti un’altra foto: guardo l’immagine e mi piace proprio. Mi piace perché lo conosco meglio…

View On WordPress

Marmellata di arance

Erano giorni che ne avevo voglia. Giorni interi a pensare alla marmellata di arance. Che per uno come me è piuttosto strano, a pensarci. Inoltre, essendo io uomo, non posso neanche appellarmi a gravidanze vere o immaginarie. Una voglia in piena regola senza particolari fattori scatenanti. Forse è solo una rappresentazione di una voglia più ampia. Quella di estate, di sole, di mare. Il mare della…

View On WordPress

Uomini che hanno paura delle donne

Uomini che hanno paura delle donne

Perchè, uomo, hai soggezione di una certa donna?
Non delle donne in generale, visto che non sei timido, ma talvolta di una in particolare, quella che rimpicciolisce la tua mascolinità e fa credere al tuo corpo di avere bisogno di un paio di bottiglie di BeTotal?
Io sono una di quelle donne che ti intimorisce e ti vedo mentre mi stai intorno ma senza avvicinarti troppo: tu lo sai che sono attratta…

View On WordPress

Giocare in trasferta

Che l’uomo sia il tuo dolce fidanzato o quello del primo appuntamento poco cambia: giocare in trasferta ha per me degli innegabili vantaggi.

Se il tuo fidanzato abita lontano potrebbe essere contento che sia tu a far la strada, a metterti in auto o in treno o in aereo per raggiungerlo. Tu sicuramente arriverai meno fresca all’appuntamento, ti stancherai, avrai forse bisogno di una doccia…

View On WordPress

Spirale Mistica

La situazione fino a qualche anno fa era proprio come  a Lawndale, senza qualche personaggio, o.k., diciamolo.
In pratica io vestivo quasi sempre di verde, portavo gli occhiali da vista e avevo un fratello membro del Club della Moda, cioè un tronista dall’addominale scolpito e dal corpo depilato con centinaia di amiche su Facebook. Avevo anche una migliore amica, la quale sosteneva di essere me e…

View On WordPress

L’amore e i soldi

L’amore e i soldi

Ieri sera ho parlato al telefono per parecchio tempo con il mio ex fidanzato.
Tra le altre cose abbiamo parlato del fatto che a suo tempo non desiderava che io lasciassi il mio lavoro per trasferirmi da lui dall’altra parte d’Italia. Premesso che stavo già cercando un altro lavoro e probabilmente prima di trasferirmi l’avrei trovato, la questione è un’altra: la diversa visione dell’amore.
Se io ti…

View On WordPress

Il multitasking non esiste

Il multitasking non esiste

Il multitasking non esiste. Oggi ho appreso alcune cose sul digitale. Una di queste è che il multitasking non è economico. Multitasking è un termine rubato all’informatica che indica la capacità di fare più cose contemporaneamente. In informatica, infatti, è la capacità di un dispositivo di eseguire più programmi nello stesso momento. Di questi tempi è piuttosto comune essere alle prese con più…

View On WordPress

In the waiting line

In the waiting line

Wait in line
‘Till your time 

Li leggi e ti sembrano in un modo, gli scrivi e vedi altro.
Qualche volta arrivi al centro del cuore molto più in fretta che nel mondo reale, qualche volta non ci arrivi ma loro arrivano al tuo che non hai avuto neanche il tempo di fare un respiro.
Qualche volta.

Do you believe
In what you see
There…

View On WordPress

Buchi neri ed infrarOssi

Buchi neri ed infrarOssi

Ieri ho pensato di far lavare la mia auto.
Mentre aspettavo che due uomini dell’est Europa la rendessero luccicante, sono andata a pagare. Ero alla cassa e stavo tirando fuori i soldi con la mano sinistra dalla tasca davanti dei miei pantaloni verdi, quando mi sento dire: “Ciao!Tu lo sai fare?”. Alle mie spalle c’era un bambino, il figlio del benzinaio, che mi allungava un giochino di plastica in…

View On WordPress

Due occhi che sembrano stelle

Due occhi che sembrano stelle

Quando avevo 15 anni lavoravo in un piccolo supermercato. Era uno dei punti vendita di questa catena piuttosto nota in Italia. Un conoscente era il direttore del personale e si sa come vanno queste cose. Io avevo bisogno di guadagnare due soldi da spendere in birre estive, lui doveva coprire il personale che andava in ferie. Lavoravo lì più o meno giugno, dalla fine della scuola, luglio e metà…

View On WordPress